Al Parlamento europeo varata l'Alleanza Europea per la pesca a strascico. Per l'Italia, aderiscono Alleanza Cooperative Italiane Pesca, Coldiretti Impresa Pesca, Federpesca, Unci Agroalimentare

Pesca e acquacoltura

Bruxelles, 24 marzo 2022 - Oggi, le organizzazioni di pesca di 14 paesi dell'UE che rappresentano oltre 20.000 pescatori e 7.000 imbarcazioni, hanno lanciato al Parlamento europeo l'Alleanza europea per la pesca a strascico (EBFA-European Bottom Fishery Alliance). Per l'Italia, aderiscono Alleanza Cooperative Italiane Pesca, Coldiretti Impresa Pesca, Federpesca,

Unci Agroalimentare

I rappresentanti dell'Alleanza hanno presentato la realtà di queste attività di pesca in tutta Europa e hanno difeso l'utilizzo degli attrezzi a strascico attivi in quanto attività sostenibile. La conferenza stampa ospitata dal primo Vicepresidente della Commissione per la pesca, l'eurodeputato Peter van Dalen, ha richiamato l'attenzione politica sul prezioso contributo di queste flotte in netto contrasto con la percezione negativa espressa dalla Commissione Europea nei confronti degli attrezzi a strascico. I responsabili delle decisioni mostrano preoccupazioni alimentate sulle possibili implicazioni dell'eliminazione graduale degli attrezzi a contatto con il fondale marino nel prossimo piano d'azione dell'UE per proteggere ulteriormente le risorse della pesca e gli ecosistemi marini nel contesto della strategia dell'UE per la biodiversità 2030.

 

L'Alleanza ha messo in evidenza la sostenibilità e l'importanza complessiva di questi metodi di pesca diffusi in tutti gli Stati membri dell'UE che portano a terra più di un milione di tonnellate di pescato sano e sostenibile ogni anno. Ciò rappresenta il 25% del totale degli sbarchi dell'UE e genera quasi il 40% delle entrate totali del settore, contribuendo alla ricchezza, all'occupazione e al tessuto industriale di molte comunità costiere e periferiche. Il settore ha ricordato che queste attività di pesca sono ben regolamentate, controllate, studiate e ampiamente certificate.

 

Secondo l'EBFA, tutti questi risultati possono andare in fumo se il piano d'azione annunciato, in linea con la strategia sulla biodiversità della Commissione Europea, limiterà gradualmente e, infine, eliminerà gradualmente l'uso degli attrezzi da pesca a contatto con il fondale marino.

 

Iván López van der Veen, presidente dell'EBFA, ha dichiarato: "Siamo pronti a combattere con la scienza e i dati tutti i miti che circondano le nostre attività. Abbiamo mappato i mari per identificare le zone vulnerabili, abbiamo chiuso le zone di pesca quando e dove necessario. Le nostre navi sono più selettive, utilizzano tecniche meno impattanti e hanno un consumo di carburante ridotto. Chiediamo alle autorità dell'UE di continuare a investire nella scienza, nella gestione e nell'innovazione. L'eliminazione graduale degli attrezzi a strascico non e' la risposta, in particolare se l'UE e' seriamente convinta della necessità di ridurre la dipendenza dai prodotti alimentari importati".

 

Alcune organizzazioni ambientaliste e persino la Commissione Europea mettono in discussione la sostenibilità di questi attrezzi, identificando gli attrezzi a strascico attivi come la pesca a strascico, come "l'attività più dannosa per i fondali marini". L'EBFA sostiene che, secondo gli scienziati, il riscaldamento degli oceani, l'acidificazione e l'innalzamento del livello del mare sono le principali minacce per l'ambiente marino, non la pesca. Chiudere parti dell'oceano alla pesca non risolverà i problemi.

 

López ha commentato: "La pesca a strascico ha sicuramente un impatto ambientale, nessuno lo nega. Tutto ciò che mangiamo costa qualcosa al pianeta. Ma grazie a una gestione efficace e scientifica, l'UE e il settore si sforzano di pescare in modo sostenibile con il minimo impatto. Inoltre, le attività di pesca a strascico sono oggi praticamente delimitate in zone di pesca storiche". Ha concluso: "Possiamo fare di meglio e lo faremo meglio, ma abbiamo bisogno di politiche basate su prove fattuali, scientifiche e sottoposte a revisioni paritarie e valutazioni d'impatto complete. L'uso di pseudoscienza o affermazioni infondate, come quelle relative all'impronta della pesca o alle emissioni di carbonio del settore, per eliminare gradualmente gli attrezzi da pesca perfettamente legali non aiuterà la salute degli oceani ne' i pescatori".

 

L'EBFA ha ricordato che il buono stato degli stock ittici demersali nell'Atlantico ha dimostrato che una gestione efficace della pesca e' lo strumento migliore per la conservazione, il recupero e l'uso sostenibile delle risorse marine. A maggior ragione se, secondo la scienza, lo stato del fondale marino e' migliore nelle regioni in cui la pesca e' sfruttata in modo sostenibile.

 

L'EBFA ha concluso che la Commissione non può sacrificare la pesca sostenibile e certificata dell'UE per soddisfare alcune organizzazioni ambientaliste, accettando al contempo importazioni su larga scala di pescato proveniente dalla pesca a strascico extra-UE.




  Categoria:
Pesca e acquacoltura

altre news del settore: Pesca e acquacoltura