4 Luglio 2011: nota Ispettorato su prelievi per controlli DO

Vitivinicolo
4 luglio 2011

L’Ispettorato ha inviato una ulteriore nota relativa ai controlli.

Infatti, se da un lato con il DM 2 dicembre 2010 (peraltro in fase di revisione)  il sistema dei controlli è stato aggiornato sulla base del DM 61/10, dall’altro non è stato ancora emanato il nuovo DM sugli esami chimico fisici ed organolettici, in applicazione dell’art. 15 del DM 61/10. Poiché ai sensi dell’art. 31, sempre del DM 61/10 , se non sono state emanate nuove norme valgono ancora quelle dei Decreti attuativi della 164/92, la Repressione Frodi conferma la validità del DM 25 luglio 2003.

Ovviamente, come sapete, in questo Decreto il prelievo dei campioni era previsto a carico delle Camere di Commercio.

La nota di fatto conferma quest’obbligo, anche se le CCIAA dovranno darne comunicazione agli Organismi di Controllo.

C’è da temere che in alcuni casi, dato che non sempre la collaborazione tra CCIAA e Organismi di Controllo è idilliaca, possano sorgere dei problemi per i produttori.

Pertanto vi raccomandiamo di tenere da conto questa comunicazione e di segnalarci eventuali disguidi o problemi.

nota prot. 15859 del 01.07.2011

nota prot. 14736 del 17 giugno 2011




  Categoria:
Vitivinicolo